Contiene sabbia di Maiorca (polvere alla polvere e sabbia alla sabbia).
wpid-20150910_211723.jpg
Quel che rimane, insieme ad altro ancora.

Dì scorsi

17 marzo 2014


Tre film, parecchi volti, alcuni nuovi altri no, corse in corridoî, telefonate, improperi fluenti, interrotti, ingoiati, riservati per il futuro, annullati, volture dello spirito, watt, decisioni, spappolamento d’endometrio, debolezze, debolezza, mostre e mostri, “è” aperte troppo chiuse, “ó” chiuse troppo aperte, ancora una firma per presa di possesso senza possedimenti, biglietti aerei, check in on line, sogni on air, cinguettii di uccelli che cantano l’esplosione di una stagione calda senza intermezzi.
Progetti per il futuro: allenarmi col giro fonetico su tacco 12.


Ci sono occhi brillanti, e fermi, e ironici in cui si sta così comodi –  come seduti su un prato, il cielo blu sopra e scherzare; come avvistare una spiaggia libera e accogliente invece che brulla e recintata – che vorresti il tempo si fermasse almeno un po’. Poi il tempo non si ferma e anzi diventa il quarto compagno nel tragitto fino alla stazione, fischia quando il treno sta per partire, strizza l’occhio anche lui quando stai per andare. Però, chissà com’è, ti senti addosso un sorriso da cartone animato e nei didentri come se avessi assaporato una pillola di bellezza, mentre il tempo, lui, ti siede accanto scorrendo sulle rotaie e poi in auto e poi su strade che ricordi appena, tra altri volti, si infila in un panino al volo, e va avanti a tempo di jazz.

Geografia primaria


Certo che per capire come arrivare laddove devi andare, avere cognizioni sulla corrispondenza biunivoca luogo-puntino.sulla.cartina.geografica ha la usa utilità se ci tieni davverodavvero ad arrivare. E di là in poi ti si apre una serie disparata di orizzonti itineranti più o meno plausibili, mica come le parallele che non s’intersecano mai.

400-05125168
Il cervello ciocca, i circuiti saltano, gli orari ballano la rumba, il cuore batte il ritmo, il cervelletto scrive, qualcuno spia, la gente mormora, i vestiti animati coprono in sordina o facendo chiasso, vi ci infiliamo come nella cruna di un ago; crocco la ciotola, acquo la bacinella, spengo il gas già spento, schiocco la valigia, bacio il sacco a pelo, dindlo le chiavi, abbasso la saracinesca del pensiero (luci soffuse), mi accompagna l’ascensore, accelero il pedale, parcheggio le ruote, cammino nel riflesso verde dell’ombrello nelle pozzanghere, non sbaglio il binario, mi aspetta il treno giusto, riconosco il cielo, gli sbuffi del bianco stagliati nel celeste vivo, le fantasie di nuvole, mi perdo serena nell’incontro con il mare altrove, le profondità che mi attirano e quelle che mi spaventano, i picchi bianco-scuri che fanno il solletico al cielo e il bacio della sincronia con la stabilità, tento il sonno in questo frastuono buono.
La presbiopia è quella modificazione dello sguardo per cui per non avere una visione sfocata, le cose devi allontanarle da te: ci si arriva dopo un po’.
Faccio lo tsunami-anatroccolo, all’orizzonte grandi onde: lasciate andare spazzeranno via rami secchi del passato.
Quelle cose che non sapendo bene quale delle due fare tanto vale farle entrambe.
Ho freddato la mamma cyborg che con la sua sottile voce metallica cercava complicità abietta ed è rimasta senza voce da trasmettere da quell’altoparlante freddo come Hal.
Come disegnare una linea per terra e dire Fin qua ci sei tu e da qui in poi io e – come vedi – le due aree non si intersecano.


In questo grande spazio architettonico in sfumature di grigio chiaro a cielo aperto con tetto in vetro costellato di quadratini scuri acchiappasole, sembra di essere in un evoluto Paese europeo. Peccato per le zone ancora in cantiere che sembrano dimenticate, per i raccoglitori colorati e dove c’è scritto carta ci sono un carciofo e un piatto di plastica, dove c’è scritto plastica buste di carta, dove c’è scritto vetro c’è la qualunque; per il bagno destinato alle categorie protette (bebè e disabili) sul cui ingresso campeggia sgualcito e sghembo il foglio con la scritta GUASTO in pennarello nero dall’inchiostro puzzolente. Però nel salottino di Italo si sta da dio. Montezemolo, padre dei vizi. Vien voglia di scoprire il nuovo mondo in noi.


Scollata, cerco la magica universale del cauto distacco.
Chiudere gli occhi dentro, ricostruirmi transdifferenziata ogni volta
come una microscopica Turritopsis nutricula,
i tentacoli inzaccherati di nuove idee e meno ancestrali turbamenti
immortale gelatina di cellule vive che ci riprovano
si accartocciano e rinascono
e rinascono e si accartocciano
rinascono ancora.
Prima che una capsula Petri catturi i loro sogni ci vorranno plurisecolispaziali ai cubi infinitissimi
la cerniera fa clic
rotola rotola rotola
i lembi della giacca di pelle
scollati
ridono dai gancetti metallici che oscillano in libertà ad ogni passo
mentre penso alla magica universale del giusto distacco.

Turritopsis nutricula