Ho assistito a un incidente, ma era solo una testimonianza.
Dio fa cose strane di cui abbiamo consapevolezza meno che bosonica o nessuna.
Labbra sottili sotto occhi ciechi che sembravano  disegnati per un pupazzo hanno detto: “Ho visto l’ambulanza andar via” e in quell’istante un nuovo sipario sulle sfumature ignote di questa vita, come un piccolo squarcio, si è  aperto, il caldo di febbre che oggi porto addosso trasformato in sidecar di marca delnoveottobreduemilatredici.
Ho idea che i cancellieri non possano piangere in udienza.