Una doppia verità di Courtney Hunt


Protagonisti come manichini, Keanu Reeves un po’ imbalsamato, Bridget Jones cambiata, Bridget Jones è peggiorata; Gugu Mbatha-Raw, donna bellissima di sangue misto, unico personaggio dai contorni morbidi vivificati, non riscattati, all’ombra di un padre noto ignoto. Angolature amorfe per un finale loffio.

«Chi non si aspetta l’inaspettato non troverà mai la verità» (Eraclito)

Ma non se sei in una sceneggiatura di cartone.


L’aria è ferma a contare piano gli annunciati gradi all’ombra, camminiamo trapassando il caldo con la stessa determinazione con cui Ewan McGregor attraversa il muro nella scena finale de L’uomo che fissa le capre, pilotate dalla virtù della necessità. Quale giorno migliore per trascorrere il pomeriggio all’hammam?
Con lo scrub l’unica cosa che non mi è stata grattata via è la minchioneria: è in uno strato davvero troppo profondo.
Son fortune.


gio


E fanculo al t9.