Lotta bastarda con le lacrime asciutte 

13 luglio 2017


Prenditi la mano
tastati il polso
urla
ma fallo piano
sennò ti pentirai
Chiediti,
ma fallo spesso
altrimenti, con più probabilità, non ti capirai
Non chiudere gli occhi sui sogni infranti, non strizzarli come pezze al sole,
lasciali umidi, evaporeranno scegliendosi il loro ritmo
Parlati, anche di notte,
quando ti infarini rotolandoti sulle sensazioni
Friggiti i difetti,
fanno male al fegato
ma alcuni possono anche essere saporiti
lascia i peggiori sul bordo del piatto
Dai l’orgoglio in pasto ai buoi se ti tiene al giogo su un percorso accidentato di gaffes che non vale la pena compiere
Assorbi i rimpianti
che ti tappano le orecchie
con dei cotton fiocc
La rabbia sputala nel lavandino
insieme al dentifricio,
i denti rimarrano puliti più a lungo
E – soprattutto, sopra ogni cosa – non dimenticarti mai di guardare gli altri negli occhi
È lì che troverai l’acqua:
dolce o salata che sia
assieme all’idrogeno porta sempre con sé almeno un atomo di ossigeno

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: