E two. Il dono della sintesi

19 aprile 2015

Big eyes di Tim Burton


Che secondo voi io sapevo chi fosse Margaret Keane? E no.
O che magari potessi ricondurre quegli occhi giganti a qualcosa di diverso da un cartone animato giapponese? No.
Ho seguito l’eco del suono del nome del regista: “Tim Barton! iiiimmmm! tooooon!” e con Mr. Cì sono stata al cinema. Alla fine della proiezione gli ho chiesto: “Scusa, ma il femminismo? La contestazione giovanile? La rivoluzione degli anni ’60?”

«Come fossero frittelle.»

Il giovane favoloso di Mario Martone.locandina
Se non ci fosse stata È. non ci sarei mai andata. E invece poi.
Martone l’ho trovato molto meno mattone.
Leopardi vien voglia di riscoprirlo, svestito dei panni con cui è agghindato dalla didattica delle scuole superiori.
Individuato, su segnalazione dell’amica saggia, in Michele Riondino uno dei sogni erotici delle donne di oggi, ho concluso tuttavia: Elio Germano forever, su tutti.
Ma perché è a testa in giù?

La Trattativa di Sabina Guzzanti
Per capire nel dettaglio cose intimamente già note.
Dopo, una rossa media scacciapensieri ci sta tutta, col rabbocco pure.

The imitation game di Morten Tyldum
Il bello del film è che il regista è norvegese. Epurato da retorica e pompamagnismo all’americana, conserva i tratti di una storia vera per quanto – suppongo – cinematograficamente romanzata.
Una domanda mi sorge spontanea: ma Sisifo era pure lui intelligente come Turing?

Whiplash di Damien Chazelle
La maglia nera aderente fa figo anche se sei una testa di minchia.
Dove c’è musica c’è passione.
Ma tra la passione e lo spargimento di sangue sugli splash secondo me non c’è alcun nesso emozional funzionale.
Poi, fate vobis.
Ad ogni modo l’ho visto mentre imperversava “Cinquanta sfumature di grigio” come fosse un’epidemia di pidocchi e si è rivelato comunque una valida alternativa.

Annunci

16 Responses to “E two. Il dono della sintesi”

  1. amilcaxas Says:

    ho visto solo the imitation game e mi sembrato abbastanza carino, ma noioso, molto noioso. Quale mi consigli degli altri?

  2. amilcaxas Says:

    eccomi, ho visto il l’ultimo di Moretti, veramente bello, Turturro sensazionale, e poi alla fine mi è venuto in mente che quella cosa di mettersi di fianco al personaggio, come dice la regista, è proprio quello che fa Nanni Moretti in tutto il film. Per ultimo nel finale mi sarebbe piaciuto che la parte dei commenti degli ex alunni fosse più lunga.

  3. amilcaxas Says:

    ok si, insomma ho fatto un casino con l’ultima frase, però mi sarebbe piaciuta una parte finale più lunga con i commenti degli ex alunni :)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: