Harry Squatter

26 marzo 2015


Una delle cose che mi sto abituando a monitorare con severa precisione è quella ormai per me rinomata tendenza al moto incipiente verso una cazzata, fenomenologia peculiare della Meccanica quantistica dell’idiozia in cui c’è perfetta corrispondenza tra la fonte-elemento-propulsore e la destinataria diretta dei nefasti effetti, in una congiunzione magica tra il punto di partenza e il punto di arrivo con sovrapposizione temporale che manco la teoria della relatività. Tu sei lì a dirti: “Nooooo, non farlo, è una cazzaaaaa… ” che “Pac!” – “… ta! ” – l’animus derelinquendi dell’Harry Squatter encefalico in te ha già poggiato il suo sguardo appiccicoso negli angolini di res nullius lasciati momentaneamente incustoditi nel cervello. È una specie di corto circuito.
Quindi, ho riflettuto. E mi son detta. Che se la classe non è acqua di certo l’idiozia non è vino.
Forse questa massima mi terrà lontana dai guai.

Annunci

39 Responses to “Harry Squatter”

  1. ysingrinus Says:

    Niente male questa riflessione sul moto incipiente verso una cazzata.
    Interessante anche la conclusione che vede l’idiozia come il non vino.


  2. Ora vorrei l’aiuto di Doc, secondo me c’entra pure un po’ il flusso canalizzatore…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: