Crusca dell’accademia: pensieri mele-nsi, ovvero sopravvenuti durante la masticazione di una mela renetta

12 febbraio 2014


Se il contrario del sinonimo è il contrario, il contrario del contrario qual è?

(La mela era buona)

Annunci

6 Responses to “Crusca dell’accademia: pensieri mele-nsi, ovvero sopravvenuti durante la masticazione di una mela renetta”

  1. vipero Says:

    no, non credo il contrario del contrario sia la mela era buona.

  2. l'eco di Cerignola Says:

    Ieri sera, approfittando di avere sottomano il celebre prof. Kukatz, membro onorario dell’Accademia della Crusca e del Frumento rosso di Volterra, colui che, come tutti sanno, risolse uno dei due quesiti della Sfinge, ancora irrisolti, ovvero “qual’è l’altro modo di far diventare “questo?” una domanda togliendogli il punto interrogativo?”. Dopo millenni di tentativi inutili, il prof. Kukatz trovò la soluzione: “ques(i)to”.
    Così ho posto a lui il quesito in questione “se il contrario di sinonimo è il contrario, qual’è il contrario del contrario?”
    Da Cerignola ci siamo allungati a Bari. Abbiamo cenato sempre sul lungomare. Tubetti con le cozze, spigole bastarde (un incrocio rarissimo fra spigole e orate), ricci di mare e frutti di mare assortiti. Naturalmente crudi e colti freschi dal frutteto dell’adriatico. Dopo un rutto liberatorio, il prof. Kukatz mi ha spiegato che non è difficile se ci facciamo aiutare dalla matematica.
    Posto x=sinonimo sarà -x=contrario(x), facciamo lo stesso con contrario: x=contrario, -x=contrario(x).
    Generalizziamo: x=qualunque cosa, -x=contrario(x).
    Quindi se x = felicità, il suo contrario sarà infelicità, dove sappiamo che il prefisso “in” in matematica verrebbe rappresentato con il segno negativo. Se x = abile, il suo contrario sarà inabile. Se x = gioia, il suo contrario sarà ingioia. Se x=tanto, il suo contrario sarà intanto mentre se x=culo, il suo contrario sarà inculo, mentre se x=ano, il suo contrario sarà inano, se x=contro, il suo contrario sarà incontro. Il prof. Kukatz, per verificare se avevo capito mi ha chiesto “se x=inabile?” Gli ho risposto che era facile, il contrario è abile. “kukaz! – mi ha risposto – non hai capito allora. Se x=inabile il suo contrario sarà ininabile e se x=ininabile il suo contrario sarà inininabile”.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: