Quaalude, che è come dire “palude” quando c’hai la lingua impastata. Storia di metaqualunquisti

10 febbraio 2014

Marchionne con i 90 maglioni di lana blu distribuiti nei suoi habitat diffusi, compra la Crysler, l’accoppia alla Fiat, le appiccica mano nella mano ribattezzandole Fca (certo Fac era più onomatopeico, ma poco collegiale) e dà loro in dote una sede legale nei Paesi Bassi ed una fiscale nel Regno Unito; quotazione VIP in borsa a New York e – fugace accoramento italico – presenza parziale in Piazza Affari, forse per brevi vacanze estive e poi chissà.
Mentre in Uruguay, Colorado, nello stato di Washington e negli Sati Uniti finalmente legalizzano la marijuana e si crucciano ormai più che altro sul come addivenire ad una regolarizzazione del commercio che non abbia controproducenti effetti boomerang, in Nigeria imperversa un’omofobia che definirla bigotta è usare un eufemismo e in Spagna si fa un balzo indietro di circa 50 anni, si torna a manifestare in cortei fitti fitti contro una controriforma che ambisce a penalizzare duramente e stupidamente e nuovamente l’aborto in un exploit antievoluzionistico e anacronistico che il cilicio al confronto sembra un ritrovato delle nuove tecnologie. Qualche chilometro più in qua dallo stretto di Gibilterra, il Papa si preoccupa di riacchiappare le file di cattolici nei quali la fede ha visto indebolire fortemente le proprie difese immunitarie da una serie di scandali che a capire quale è peggio non te ne tiri fuori neanche con l’ambarabàciccìccocò: fai prima a raggiungere il nirvana e a salutare col namasté gesù. E, tra l’altro, deve fidarsi proprio assai del suo 007 Bruelhart, perché, fico com’è, potrebbe indurre in tentazione schiere di donne, uomini e prelati, per quanto di questi ultimi si vocifera che abbiano una spiccata predilizione per i piccirilli, ahimé.

The wolf of Wall Street di Martin Scorsese - locandina

Ecco, tutti i personaggi che fanno il trenino dietro a Jordan Belfort, protagonista in versione autobiografica (reinterpretata almeno in parte, suppongo) del film di Scorsese, alimentano una vita a polpette spioventi pioventi sconclusionate dello stesso tipo. Certo, è un microcosmo, a confronto, ma con proiezioni ortogonali di indubbia ampiezza.
Ciascuno di noi è uno di tanti, volenti o nolenti immersi nello stesso brodo di coltura, poi ad ognuno tocca scegliere lo stile con cui veicolarsi da una riva all’altra e quali lembi di terra abbracciare.
Scorsese ha fatto un lavoro eccezionale: tre ore di puro godimento in ironica immersione.

Annunci

12 Responses to “Quaalude, che è come dire “palude” quando c’hai la lingua impastata. Storia di metaqualunquisti”

  1. Dantès Says:

    che poi, a me, raggiungere il nirvana e a salutare col namasté gesù non mi dispiacerebbe neanche ;)

  2. vipero Says:

    Ho letto: “per fortuna non ha inglobato pure la Innocenti”, riferito a Marchionne.

    Del film invece ho visto alcuni spezzoni.
    Quando nella camera del bambino lei gli mette il piede in faccia… ecco quel tipo di coscia mi fa impazzire.

  3. lupopezzato Says:

    Troppo bello. Tutto il pezzo delle pillole scadute ad effetto ritardato poi è da incorniciare. Dopo averlo visto penso che sia giusto liberalizzare l’uso delle droghe. Quelle pesanti ovviamente e proibire severamente solo quelle leggere.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: