E Bertoldo e Bertoldino?

18 novembre 2013

Ciao a tutti, sono SpeppaSpeppa. I miei mi hanno dato un doppio nome perché era gratis e perché non potevano permettersi un secondo figlio quindi, così, ogni volta che mi chiamavano, li animava l’impressione di averne due, anche se io sono stata sempre una. Ho una testa coperta da tanta cheratina in fili castani ondulati un po’ di qua un po’ di là, che fa da contenitore ad ancora non ho capito bene cosa, due occhi amplificati dagli occhiali che perciò diventano quattro, due sopracciglia sobrie, due orecchie, due otoliti, un naso con due narici, una bocca con un tot di denti (quasi tutti, tranne quelli del giudizio che non ci stavano) dieci dita, due mani, due braccia complete di gomiti, due polsi così cosi, un cuore che non vedo mai, ma con cui parlo spesso con il telefono senza fili, e dei didentri molto riservati; due pallottine loffie che da grandi avrebbero voluto fare le tette, ma non gli è riuscito granché bene ed ora si accontentano del surrogato della filosofica beltà; una pancia, un ombelico che si affaccia su tutti gli annessi e connessi – e secondo me è ancora lì a chiedersi cos’è quella roba là sotto che a volte è tappata come una bottega oscura -, due chiappe che insieme fanno un sedere, due gambe con ginocchia a scrocchio che hanno bisogno di coccole e due piedi con cinque dita ciascuno. Tutto questo ambaradan di roba comunicante mi consente di fare strani esperimenti e un mucchio di cazzate.
Vi confesso di non essere tanto preoccupata per la faccenda dei ghiacciai che si sciolgono: ho rubato questa piccola caramella di egoismo dal paniere per poter essere semplicemente contenta del fatto che l’inverno dura sempre meno, ché a me le giornate colorate di grigio mi fanno un effetto tanto strano, per sostenerlo ci consumo un sacco di energia anche se non sempre me ne accorgo. Però, siccome sono fondamentalmente una bambina buona – se non altro perché la cattiveria è una cosa noiosissima come una buccia di banana finta -, sono sempre lì a studiare dei modi per salvare il mondo e disentropizzarlo per quel pochetto che dalla mia microscopia di SpeppaSpeppa mi è possibile fare. Tipo: evitare le confezioni di plastica. A volte immagino lo spazio occupato da tutti i contenitori vuoti di tutti i supermercati del mondo e capisco che in un sistema teorico di aree, saremmo già tuttitutti intubati in spazi chiusi di petrolio solidificato in plastica puzzolente.
Sicché. I detersivi alla spina sono una cosa che mi intriga assai e mi entusiasma come un giro in giostra. L’inghippo è che per qualche arcano ingiustificato motivo, costa almeno il doppio dei mostri inquinanti. E a me di essere presa per il culo (per intero o per ciascuna delle chiappe) dai no global quando già mi tocca destreggiarmi costantemente per scansare le fregature dei global, non mi va per niente niente.
Quindi, dopo un tot di sedute di pragmaticalmumblemumble, ho partorito l’idea dello Scioglimento del sapone di marsiglia (marchio registrato al di là dello specchio). Ingredienti: contenitore vuoto (riciclato) di plastica, saponetta di marsiglia 100% senza frizzi e senza lazzi, acqua calda. Attrezzi: coltello con lama a prova di bambino, ché di cerotti ne ho pochi e al pronto soccorso non saprei come arrivarci.
Istruzioni tecnologiche: gratta gratta la saponetta con il coltello per ridurla in scaglie polverose e profumate (che eviterai di inalare per scongiurare eventuali conseguenze dannose ignote delle inspirazioni marsigliesi); versa le scaglie nel contenitore di plastica vuoto nel modo che ritieni meno inopportuno; riempi il contenitore di acqua calda ed agita per agevolare scioglimento e mescolamento.
Ora. A me è successo un fatto strano che chiameremo Saponificazione del sapone: adesso lavo i panni con un blob gelatinoso che sembra una conserva di meduse bianche squagliate al sole. Però funziona. Mi manca solo qualche passaggio della fisica contemporanea per comprendere il fenomeno fino in fondo, ma potrei scommettere sull’importanza della temperatura dell’acqua in cui sciogliere le scaglie.
Poi è successo che: un giorno sono andata a dormire tutta trulla e ho sognato che – plof!! – gli scarti del mio metabolismo erano tanti piccoli cervelli. SpeppaSpeppa, piccola cacasenno o parte razionale in gita verso i delta dei fiumi a tuffarsi del mare?
Boh, chiamiamola fuga di cervelli. Ad ogni modo gli stronzi intellettuali viaggiavano come pacchetti informativi dei vecchi modem… cagosi bit cognitivi?
Ce n’è abbastanza per far inorridire il pargoletto di Piero Angela.

Annunci

15 Responses to “E Bertoldo e Bertoldino?”

  1. vipero Says:

    Tu devi scrivere un libro. Non ci sono cazzi.

  2. Dantès Says:

    io a questa SpeppaSpeppa voglio già bene. te ti amo. quando poi scrivi ‘ste cose qui, ancora di più. ma quanto sei brava!?!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: