Fate finta che sia normale anche se tra non molto arriva Natale

22 ottobre 2012

La foto è di Dantès, il disegno no.


Lui e lei australiani: avvocato alabarda spaziale con t-shirt da cambiare, moglie chiacchiere e colore, vino rosso e negli occhi il suo bagliore. Cinese & Co (… Cinese? Quale cinese? Boh). L’autonoleggio, Helen, i suoi occhi azzurri, la lingua sciolta, i rivoli di sudore e la guida a sinistra, lo specchietto retrovisore rotto in tempi record contro un palo, l’uomo modesto che ce lo fa riparare, ci chiede scusa per l’attesa, solo 15 euro per la riparazione e saluta con un grazie (desiderio di non tornare in Italia, ci prende). Le tombe due palle dei Re, certa archeologia non fa per me. Lo sdentato alla reception dell’albergo, antonomasia di sms in libertà, Koroni, il museo del vino, il mare caldo, la spiaggia inculata, le tartarughe non ci sono, le loro uova chissà, i ciottoli, il ristorante fico, i suoi avventori chic, il cuoco. Bisticci e capricci, un festival del vino saltato e poi recuperato. Il lago salato, la chiesa dei gatti coi gatti stragatti millegatti variegati, paesaggio incantato e nel mare il diverbio s’è calmato. I minareti e gli ortodossi, i monti e i pistacchi, le sciarpe e i cappelli, i fenicotteri sui muri dell’albergo, le file mai fatte per il buffet, pop corn e birra sul bancone, e quel tratto di lungomare come fosse un centro commerciale. Il forte, Capo Greco, scogli e onde, baia e sabbia, Nicosia come Berlino, Berlino che non conosco. Il rientro in piccole gocce di ritorno, la trattoria sotto il pergolato disegnata, i profumi annusati in greco, ouzo e noccioline, la taramosalada e la roba mai assaggiata; la cena in paradiso, il ciao con un sorriso. L’ora di andare e la voglia espressa di tornare.

Annunci

9 Responses to “Fate finta che sia normale anche se tra non molto arriva Natale”

  1. vipero Says:

    Sei stata a Limassol?

  2. vipero Says:

    io mai. com’è?

    • ms.spoah Says:

      Come Larnaka e Paphos, ha una zona fatta a immagine e somiglianza di un centro commerciale con luci neon, club, McDonald, polli fritti, polli a spasso e zone più autentiche e godibili.

      • vipero Says:

        c’erano le coscette di pollo? ho sentito storie orribili al riguardo.

        o meglio: ho sentito che ci sono storie orribili al riguardo.

        • ms.spoah Says:

          Voci di corridoio in casa Poison sulle coscette? Lì c’era la catena americana del pollo fritto che mi pare si chiami Mrqualcosa… a parte questo, niente sacciu (tlaintlaintlaintlaintlain) =:-)

          • vipero Says:

            KFC = Kentucky Fried Chicken.
            Qui da noi non c’è, per fortuna devo dire.
            Molto, ma molto meglio il solito kebabbaro

  3. evasoxcaso Says:

    Nemmeno io ci sono mai stato a Berlino, però ho visto un sacco di posti che mi hanno fatto pensare: è come Berlino. Magari vado, a Berlino e ci rimango male.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: