Piccoli, i grandi

3 agosto 2012

Ai bambini non piace l’amore a placche,
sentire il cuore pesante,
vedere il cielo buio negli occhi degli altri;
Ai bambini piace il caldo,
sono scossi dalle urla acute che non siano richiami di animali buffi dalla foresta
e non amano le vibrazioni di suoni bassi che rimbombano spaventosi, a meno che non provengano da orchi solo raccontati.
I bambini sono foglie verde smeraldo brillante, venature umide di rugiada si fanno strada nel presente.
Ai bambini non piacciono gli urti che invertono il senso della clorofilla e poi la sottraggono;
hanno sogni in colori pastello e possono raccontarli, se stai ad ascoltarli.
Poi crescono. E. Lo sanno che?
Ai grandi non piace sentire il cuore pesante,
vedere il cielo buio negli occhi degli altri;
sono scossi dalle urla acute che non siano richiami di animali buffi dalla foresta
e non amano le vibrazioni di suoni bassi che rimbombano spaventosi,a meno che non provengano da orchi solo raccontati.
I grandi sono foglie verde smeraldo brillante dimentiche del proprio colore, venature umide di rugiada cercano la strada nel presente.
Ai grandi non piacciono gli urti che invertono il senso della clorofilla e poi la sottraggono;
hanno sogni in colori pastello, ma non possono raccontarli, perché non stanno ad ascoltarsi.

Annunci

4 Responses to “Piccoli, i grandi”

  1. vipero Says:

    amen


  2. questo è rassicurante


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: