Soffocare? No

28 febbraio 2011


Le molliche di Pollicino le mangia l’uccellino e va benissimo, perché la strada di casa è meglio trovarla sperimentando nuovi percorsi.
Abbandonare gli alambicchi obsoleti è molto più dolce che prendere a morsi camini di cioccolata bianca che non esistono se non nella tua immaginazione.
Quel tipo di difesa che appuntisce i pensieri e gli sguardi e contemporaneamente ti intreccia nodi in gola e ti siede al tavolino alla ricerca di teorie aggressive contro i modus altrui non serve a salvaguardare il tuo, di mondo; non servirà a farti sentire più sicura là dentro o a convincerti che va bene lo stesso ed è solo diverso.
Non condivido tutto, ma neanche tutto voglio distruggere.
Non voglio essere accondiscendente, ma neanche andare sempre in giro con spilloni giganti da ficcarti o ficcarmi nella pancia per ricondurre il mondo ad una dimensione preconfezionata che non è la mia: è quella di un padre che non è riuscito mai ad essere contento di sé. Ma io non sono solo lui: sono anche tutte le altre persone che ho amato senza condizioni, tutte diverse; e sono anche me, una forma di vita.
Ora mi rimane da capire chi è l’uomo nero che mi tiene inchiodata alla sedia quando l’unica cosa che vorrei è ballare.
Dopo di che, forse, sarò libera.

Annunci

24 Responses to “Soffocare? No”

  1. Dantès Says:

    volevo fare una citazione scema che però sta a casa… per intanto accontentati di sapere che questo post secondo me è bellerrimo. secondo me, eh

  2. no.snob Says:

    I camini di cioccolata bianca sono stomachevoli, meno degli spilloni e più dell’uomo nero. Se può servire ho la sparachiodi…

  3. ecudiélle Says:

    nemmeno io ho la citazione ma Calvino direbbe che quando torni da un viaggio non torni mai davvero nello stesso posto. Le mollichine sono per l’uccellino, non per te.

    L’uomo nero è di cartone
    Giraci attorno.

  4. Dantès Says:

    trovata: «Io non sono mio padre, Diane, e neanche tu sei tuo padre. Se fosse così, quello che abbiamo fatto stanotte sarebbe legale solo in Arkansas» (Jane Austen’s mafia, Jim Abrahams)

  5. Dantès Says:

    neanche in giappone?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: