Fermati e cammina

23 novembre 2010

Ci sono cose per le quali bisogna aspettare ed altre per le quali andare e capire senza pensare.
Ci sono giorni e mesi e secondi e weekend lunghissimi e il sole e le nuvole e gatti ovunque; mosche che volano, ronzii, il gas aperto che fa puzza, la bottiglia di vino che cade e il detersivo che non leva le macchie dal muro.
Ci sono io che mi odio, non mi parlo, mi ricordo, mi commuovo, mi rattristo, mi depisto e poi mi arrabbio inutilmente.
Rido, piango, soffoco, mi impasto, faccio l’idiota, rirido e poi mi dico che rirido non si dice.
Ci sono io col mio muso duro, il grugno tenace, gli incubi la notte, il pensiero fallace, il libro sagace, la rima pestilenziale e il ricordo astratto dell’ospedale.
Voglio una margherita.
Poi basta, sono a posto.

Annunci

6 Responses to “Fermati e cammina”

  1. evasoxcaso Says:

    Ti accontenti di poco, insomma. Per quanto poco possa essere una margherita.

  2. Vaniglia Says:

    Eccotela qua…

    Scherzi a parte…Le margherite sono uno dei miei fiori preferiti. Come disse qualcuno: “Sono così simpatiche” ;-)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: