Se stiamo, enzimi, ci sarà un perché

3 marzo 2010


[9.24.04] ms scrive: Le storie vere sono sempre molto più belle di quelle finte
[9.24.08] ms scrive: è per questo che La bocca del lupo è così bello
[9.24.50] ms scrive: nella sua semplicità è bellissimo
[9.25.09] ms scrive: talmente naturale che lo respiri come l’aria, sta lì
[9.25.29] ms scrive: ecco, il post  che non riuscivo a scrivere

Nella bocca del lupo c’è un enzima che digerisce il disagio con la stessa naturalezza con cui un uccellino spicca il volo per la prima volta, timoroso volteggia su sè stesso, poi va a picco, poi risale, poi sta volando; Cip, cip, cip… Perché.

Un enzima accelera unicamente le velocità delle reazioni chimiche, diretta ed inversa (dal composto A – lui – al composto B – lei – e viceversa), senza intervenire sui processi che ne regolano la spontaneità.

Si raccontano e mentre si raccontano vedi imbarazzo e amor proprio e tenerezza dei bambini di fronte ad una telecamera che c’è, ma solo appoggiata, distrattamente da qualche parte. Il regista deve essere altrove, ad ascoltare. Altrove.
Mentre lui si tira su le maniche della maglietta e  – faccia da duro – accarezza il cane, lei si coniuga prima al maschile e poi maschile e femminile insieme e poi solo femminile. Una vita intera; senza psicoterapia.
Città che non conosci, nei vicoli di Genova arriva appena il rumore del mare. L’odore attraverso il naso, non è così penetrante.
La storia del mondo è fuori, sul molo del porto.
La loro, altrove. In un posto solo apparentemente più piccolo.

Il suo ruolo consiste nel facilitare le reazioni attraverso l’interazione tra il substrato (la molecola o le molecole che partecipano alla reazione) ed il proprio sito attivo (la parte di enzima in cui avvengono le reazioni), formando un complesso. Avvenuta la reazione, il prodotto viene allontanato dall’enzima, che rimane disponibile per iniziarne una nuova. L’enzima infatti non viene consumato durante la reazione.

E la vita è animata dalla poesia leggera di una milonga.

 

Annunci

17 Responses to “Se stiamo, enzimi, ci sarà un perché”

  1. Dantès Says:

    il titolo del post merita mille punti. ma anche questa storia dell’enzima mi sembra geniale. secondo me, una delle cose più belle che hai scritto

  2. ms.spoah Says:

    Mizzica, ho accumulato mille punti in un colpo solo con una citazione canora! Quelli di Trenitalia sono molto più venali :-D
    una delle cose più belle che ho scritto?
    Sarà il caso che ti avvisi che la parte in corsivo è copia-incollata da Wikipedia…

  3. Dantès Says:

    è l’idea dell’enzima (e di cacciarcele dentro – quelle citazioni di wikipedia – che è geniale. poi se vuoi fare la modesta, cazzi tuoi :P

  4. ms.spoah Says:

    Lo supponevo…
    Quasi quasi uso l’altra parentesi come boomerang.

  5. Dantès Says:

    occhio che torna indietro

  6. ms.spoah Says:

    Comunque.
    Anche se sei un antipatico puzzone, grazie.

  7. evasoxcaso Says:

    Io li conosco, certi enzimi. Occhio.

  8. ms.spoah Says:

    Non ti preoccupare: mi chiudo dentro quando vado a letto. E da un po’ di tempo, ho pure cura di togliere la chiave dalla toppa. Così se ci rimango secca, possono entrare subito subito senza sfondare tutto e senza rogne. E non faccio puzza. E l’immagine sarà pure raccapricciante, ma denota un senso civico ammirevole. E dì no? :-D

  9. no.snob Says:

    In questo preciso istante credo di possedere molti più enzimi del lupo… :)

    • ms.spoah Says:

      In questo preciso istante credo di possedere più enzimi che birra e più sete che enzimi. E l’acqua non mi va. Ma berrò quella, me ne farò una ragione :-)

  10. lupopezzato Says:

    [21:55:59]Non è vero che le storie vere sono più belle di quelle finte. L’unica differenza è che le storie vere sono state vissute mentre quelle finte sono state scritte o raccontate. Più belle quelle vere? Ci sono tante storie vere che sono così brutte che se fossero finte sarebbe meglio. :o*

  11. ms.spoah Says:

    [23:55:59] Camminavo verso non mi ricordo più dove e mi son detta che ci sono delle storie vissute che fanno passare la voglia di resuscitare, in effetti. E che quindi non necessariamente le storie vere sono belle. Però non mi tornavano i conti. Poi ho trovato cos’è che non andava. E’ che finto non necessariamente significa non vero, però sicuramente significa finto. E in questa accezione “corsiva” :o) del termine, sì, le storie vere sono più belle di quelle finte.

  12. arance Says:

    vere o finte, non tutte sono storie che vale la pena di raccontare. e quando si raccontano a ritmo di tango, è pane per i miei denti.

  13. ms.spoah Says:

    :-)
    Allora va bene raccontarle anche così, no?
    A Pollina(i)re :-D

  14. straniero stranito Says:

    voglio essere un lupo…o al limite avere la bocca del lupo

  15. ms.spoah Says:

    Allora avrai bisogno di uno spazzolino da denti più grosso :-)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: